Civil agency in Africa

I più recenti studi sulla società civile in Africa (focalizzati, in particolare, sui movimenti sociali) hanno messo in luce due punti: a. rispetto alla visione superficiale per cui gli africani sono sempre e comunque senza aiuto di fronte all’oppressione e alle peggiori dinamiche della globalizzazione, c’è molta più ingegnosità e capacità di resistenza (informale) e di “andare avanti” di quanto si pensi; b. lo studio delle resistenze “informali” può fornire molte informazioni su come le società africane saranno in futuro. Queste sono alcune delle premesse del volume a più voci su “Civic agency in Africa. Arts of Resistance  in the 21st Century” (a cura di Ebenezer Obadare e Wendy Willems – editore James Currey 2014). La categoria dell’informalità viene qui messa al centro, per cercare di capire una struttura sociale fondamentale delle società africane, che viene spesso evocata, ma poco approfondita.

Nell’immagine: manifestazione a Bujumbura nel settembre 2013. Foto di Troens Bevis, da http://thinkafricapress.com

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...